Page Nav

HIDE

Grid

GRID_STYLE

Right Sidebar

TO-RIGHT

Classic Header

{fbt_classic_header}

Top Ad

In evidenza

latest
//

BASTA BIDONI: DIFENDERSI DALLE OFFERTE DI LAVORO FALSE, INGANNEVOLI, ILLEGALI

Chi cerca lavoro si accorge immediatamente che le aziende che cercano personale si comportano in modo diverso a seconda della loro struttura...

Chi cerca lavoro si accorge immediatamente che le aziende che cercano personale si comportano in modo diverso a seconda della loro struttura e dimensione. Questo è particolarmente vero nei territori dove prevale l'offerta di lavoro da parte di aziende di piccole e piccolissime dimensioni (le cosiddette microaziende).

Tipicamente l'offerta dell'azienda piccola, artigianale, locale, familiare non emerge: non viene pubblicata né dal centro per l'Impiego, né da portali privati né dai giornali.

La vostra parrucchiera, quando cerca un apprendista, probabilmente “mette in giro la voce” o al più espone un cartello in vetrina. Il canale diretto e personale, il più tradizionale e legato al vicinato, ha i tradizionali difetti in quanto a trasparenza: tra le offerte di lavoro che non emergono pubblicamente troviamo nascosto il futuro lavoro nero, il caporalato, forme contrattuali che non rispecchiano la prestazione effettiva e tutte le varie forme di illegalità che rendono il mercato del lavoro in Italia quello che è e che ben conosciamo.

Le offerte che emergono più probabilmente appartengono ad aziende più grandi, o più strutturate, o semplicemente più informatizzate. Le troviamo sui portali per la ricerca di lavoro; si potrebbe pensare che il fatto di essere pubblicate ne garantisca la trasparenza, in molti casi è proprio così.

Purtroppo riscontriamo ogni giorno, mescolate massicciamente alle offerte autentiche e legali, offerte di lavoro che si rivelano essere:

  • illegali in quanto l'attività proposta è contro la legge (ad esempio marketing piramidale, pagamenti in nero, ma addirittura purtroppo anche prostituzione);
  • illegali dal punto di vista dell'orario, della retribuzione, delle prestazioni richieste;
  • ingannevoli, quando l'offerta nasconde aspetti sostanziali e particolarmente sfavorevoli (vendite porta a porta);
  • semplicemente false;
  • sessualmente moleste;
  • discriminatorie e/o offensive;
  • tentate vendite di corsi di bassa o nulla qualità (e nessun effetto sulla occupabilità);
  • tentate vendite di merci (i famosi kit );
  • tentativi di furto d'identità;
  • tentativi di furto di dati.

L'illegalità nell'incontro domanda offerta di lavoro è un problema sociale della massima importanza: i danni sono molto rilevanti sul piano sociale e individuale.

Le persone in cerca di occupazione ne ricavano un senso di umiliazione, sfiducia e di inutilità che corrode le motivazioni.

Sul piano collettivo l'effetto è quello tipico delle fake news: si distruggono i meccanismi della fiducia reciproca. Il mercato del lavoro diventa una giungla in cui tutto è possibile.

Non ci arrendiamo all'illegalità e al malcostume e ribadiamo le caratteristiche che un'offerta di lavoro deve possedere per poter essere considerata legale e trasparente.

Se hai un caso da segnalare o vuoi saperne di più rivolgiti al SOL CGIL nel tuo territorio.

Standard di riferimento per la pubblicazione di offerte di lavoro, coerente con le normative e con le procedure adottate dalle aziende certificate in qualità e dai Centri per l'Impiego.


Riferimento non equivocabile all'identità dell'azienda: le offerte anonime possono essere gestite solo da soggetti accreditati per l'incontro domanda offerta, che se ne assumono la responsabilità.

PERIODO DI PUBBLICAZIONE: necessario per evitare equivoci (voluti o meno) e sovrapposizioni.

QUALIFICA/ figura / profilo

 Deve essere chiaramente indicata, anche in italiano. Questo al fine di prevenire le frodi (cercasi junior account manager per la vendita di biglietti della lotteria) e scoraggiare, o almeno rendere espliciti, i tentativi di sotto-inquadramento.

OFFERTA N°

 La numerazione è necessaria per prevenire le frodi : è frequente la cattiva pratica di pubblicare un'offerta civetta (appetibile) per poi affermare , verbalmente in sede di colloquio, che quella offerta è già stata coperta, ma che si partecipa per un'altra (non appetibile).

SETTORE

 La stessa figura in due settori diversi ha compiti, oneri e ruoli ben diversi (cuoco presso una mensa, cuoco in un ristorante)

NUMERO PERSONE RICHIESTE

 Anche questo dettaglio serve a prevenire le frodi

TIPO CONTRATTO

 Niente definizioni di fantasia, come “fisso + incentivo”: la tipologia contrattuale deve essere esistente e legale.

MANSIONI

 Devono essere coerenti con il resto dell'offerta. Esempi pratici: l'apprendista esperto, l'aiuto cuoco unico, il tirocinante cassiere, il disabile in perfetta forma.

ORARIO

Indispensabile il numero di ore per giornata e l'organizzazione (a turni, continuato, etc)

REQUISITI

 Devono essere coerenti con il resto dell'offerta.

LUOGO DI LAVORO

 Necessario per quantificare le spese di trasporto

Clausola di non discriminazione: deve essere rispettata, non è una formalità